Esami maschili

Indagini sull’ infertilità maschile

L’infertilità maschile può avere origine da disfunzioni correlate alla produzione, emissione o funzionalità degli spermatozoi, ormonali, genetiche, traumatiche, vascolari, infettive, idiopatiche.

L’anamnesi
Consiste nel raccogliere informazioni sulla storia medica del paziente, indagando su eventuali infezioni genito-urinarie, malattie infettive, malattie a trasmissione sessuale, oppure affezioni croniche, come il diabete e l’ipertensione arteriosa, precedenti interventi chirurgici o traumi a livello genitale, unitamente ad informazioni sulle abitudini sessuali (uso di profilattici o spermicidi, frequenza dei rapporti, disfunzioni sessuali) e regimi di vita (alcool, fumo, droghe, lavori a rischio).

L’indagine diagnostica
L’esame del liquido seminale (o spermiogramma). Oltre alle proprietà chimico-fisiche (volume, pH, fluidificazione e viscosità), vengono valutate concentrazione, motilità e morfologia degli spermatozoi presenti nel campione; attraverso standard di normospermia proposti ed approvati dal WHO (World Health Organization). A seguito dell’esito dello spermiogramma o per ragioni di diversa natura, possono essere richiesti ulteriori esami, quali:
Spermiocoltura , il cui scopo è quello di valutare la presenza qualitativa e quantitativa delle principali popolazioni di microorganismi (batteri e miceti).

Dosaggi ormonali: luteinizzante (LH), follicolo-stimolante (FSH), prolattina (PRL) e testosterone (T), i cui alterati livelli possono influire sul processo di produzione degli spermatozoi.
Ecografia doppler testicolare, per evidenziare eventuali anomalie anatomico-funzionali e presenza di varicocele.
Immunobead test (IBT) ed altri test immunologici, miranti ad accertare la eventuale presenza di anticorpi adesi alla superficie degli spermatozoi che possono interferire con il trasporto di queste cellule attraverso le vie genitali femminili o con il processo di fertilizzazione.
Integrità del DNA spermatico (tunel assay)
La scoperta di casi di infertilità maschile causati da anomalie nell’organizzazione della cromatina ha portato alla ribalta nuove problematiche.
F.I.S.H. TEST o Valutazione dell’assetto cromosomico nemaspermico
Test eseguito mediante metodica F.I.S.H. (Fluorescence In-Situ Hybridization).

About the Author :

Leave a Comment

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH